Partecipa al Cose Belle Contest d'illustrazione 4a edizione.
In palio I000 euro e la Residenza d'Artista in Calabria.
Hai tempo fino al I0 dicembre 2020 per inviare la tua opera.

Partecipa al Cose Belle Contest d'illustrazione 4a edizione.
In palio I000 euro e la Residenza d'Artista in Calabria.
Hai tempo fino al I0 dicembre 2020 per inviare la tua opera.


Progetto a cura di


Con il patrocinio


In collaborazione con


TEMA DEL CONTEST

Rigenerazione

In questo strano e difficile anno ciascuno di noi è stato costretto a fermarsi, a mettere in stand by la propria vita nell’incertezza del domani. E ora? Ora che è maturata la consapevolezza che tutto stia continuando a cambiare, è il momento di voltare pagina e di fare spazio a nuove energie e cose belle: è il momento della Rigenerazione.

Rigenerazione è rinascita e cambiamento, rinnovamento e riscatto, è una promessa di speranza, una dimensione in cui è possibile ripensarsi; è il passo successivo alla resilienza, è l’ossigeno che si respira dentro il cuore dopo che si è resistito; è l’energia che si sente dentro e che è necessaria per reinterpretare i propri limiti, per guardare con fiducia al futuro.

Rigenerazione è anche speranza perché ogni processo di rinascita personale, sociale o urbana è un atto di generosità, un gesto di cura capace di innescare un effetto virtuoso: una persona rigenerata con la propria luce incuriosisce e attrae, uno spazio rigenerato diventa luogo per nuove relazioni sociali, una comunità in rigenerazione crea nuove economie e occasioni di benessere.

La rigenerazione è un processo sempre positivo, per i luoghi, per le persone e per le comunità; infatti, quando la rigenerazione riguarda gli spazi si parla di rigenerazione urbana, quando la rigenerazione pone al centro le persone si parla di rigenerazione umana: solitamente l’una non esclude mai l’altra, perché spazi e persone sono strettamente connesse da un processo partecipato e di co creazione. Una persona rigenerata desidererà spazi funzionali all’espressione del proprio essere, uno spazio rigenerato diventerà valvola per rigenerazioni anche umane. Per fortuna l’Italia è ricca di esempi positivi, di processi di rigenerazione che da anni sperimentano l’innovazione sociale dal basso che dimostrano che quando la rigenerazione riguarda i luoghi, può coinvolgere e impattare sul benessere di un’intera comunità.

Non è stato un caso che durante il periodo di lockdown ci si sia soffermati sul valore dello spazio, in cui vivere, in cui esprimersi, in cui coltivare relazioni sociali, in cui lavorare: tutti abbiamo compreso che abbiamo bisogno di spazio, ma, soprattutto di luoghi in cui stare bene. Uno spazio può diventare luogo proprio grazie alla rigenerazione che sa connettere, interpretare e prendersi cura di nuovi bisogni. In piena pandemia, anche il proprio paese d’origine per tanti è diventato luogo in cui tornare, non solo per sentirsi al sicuro e vivere seguendo ritmi più lenti, ma anche per sperimentare processi di rigenerazione, nuove possibilità: la consapevolezza dell’importanza del prendersi cura del proprio territorio e della propria cultura è uno di quei frutti buoni nati in un periodo di crisi mondiale.

Rigenerazione è anche occasione per vedere con occhi nuovi se stessi, per diventare persone migliori, per superare le paure e riuscire a camminare verso le proprie utopie. Quanta bellezza e quanta energia emana e può generare una persona in rinascita? La rigenerazione è radici e ali insieme, per un volo verso nuove cose belle, nuove esperienze, nuove sfumature: nella rigenerazione nulla infatti è perduto e molto può rinasce sotto forme diverse.

Chi decide di farsi promotore di un processo di rigenerazione solitamente ne sente il bisogno in prima persona, percepisce un vuoto e decide di costruirci dentro con generosità tanta bellezza, per ripensare alla propria vita, per credere in cose nuove, nel proprio talento, nel proprio territorio, nelle proprie potenzialità inespresse rubate da un tempo troppo veloce. Quando si abbraccia e si fa spazio a un processo di rigenerazione, è come se scattasse una molla creativa, un corto cortocircuito che apre nuove possibilità per reinventare, per prendersi cura, per rendere tutto migliore.

Oggi, in un mondo che sembra cambiare, ognuno di noi ha la possibilità di diventare strumento di rigenerazione, per se stesso e per gli altri; di pensare a nuovi spazi, nuove relazioni sociali, nuove visioni, nuove professioni, nuovi prodotti.

E tu? Tu come stai? Avevi mai riflettuto sul tema della Rigenerazione? Raccontacelo attraverso la meravigliosa arte dell’illustrazione: disegna la tua rigenerazione, quello che di bello puoi fare e diventare, la rigenerazione che vorresti realizzare o che già stai vivendo, una bella esperienza che ti ha ispirato, una storia che ti incoraggia, l’energia che senti dentro quando immagini cose belle per te, per uno spazio, per una comunità e che ti sussurra che un modo migliore di vivere è possibile.

Buona Rigenerazione!

PREMI DEL CONTEST

Fantasia e Creatività

Ideati per connettere creativi di talento ed eccellenze aziendali.

Premio Fantasia

Un contributo in denaro del valore di I000,00 euro a titolo di riconoscimento del merito personale e la Residenza d’Artista “Cose Belle OFF 202I".

Premio Creatività

La Residenza d’Artista “Cose Belle OFF 202I".

Giuria

Marco Tortoioli Ricci
Designer e Presidente di Aiap
È Presidente nazionale AIAP (Associazione italiana per i Designer della Comunicazione visiva). Dal 2006 è professore di Metodologia del Progetto all’Isia di Urbino. Dal 2014 è Professore di Design presso l’Accademia di Belle Arti di Perugia e dal 2018 è titolare del corso di Interior Design presso il Dipartimento di Design della Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Perugia.
Gennaro Di Cello
Innovatore e Ceo di Italie - Italian Limited Edition

È Ceo di Italie, Italian Limited Edition e Vicepresidente di Entopan. È tra gli animatori di “Dinamismi Museali. Festival di pensiero contemporaneo” 1997-2007 (Premio Cultura di Gestione 2001, finalista Premio Guggenheim 2001, Premio Biennale Italia “Design degli eventi, 2008). Manager, è appassionato di progettazione grafica e di comunicazione visiva.

Emilio Leo
Architetto e Creative Director di Lanificio Leo

Architetto, Designer e Creative Director del Lanificio Leo, la più antica fabbrica tessile attiva in Calabria. È stato Selezionato da Andrea Branzi nel 2006 per New Italia Design (Triennale, Milano) e nel 2009 ha ricevuto il premio “Toyp Italia Business 2009” della Junior Chamber International.

Florindo Rubbettino
Editore Casa Editrice Rubbettino

Editore della casa editrice Rubbettino. Presidente della Rubbettino Print. È docente di Editing nel Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione all’Università del Molise. Ha diretto dal 2008 al 2011 "Quale impresa" la rivista nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria ed è stato Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Calabria.

Deborah De Rose
Manager e Creative Director di Cose Belle Festival

Progettista culturale, Content Manager, Storyteller, ex avvocato. É Creative Director del Cose Belle Festival. Si occupa di formazione, innovazione sociale e processi di nascita di impresa creativa. Nel 2015 ha trasformato il suo studio legale a Cosenza in Interazioni Creative, un progetto di condivisione, anche spazio di coworking creativo a vocazione artigianale e digitale.

Dario Brunori
Poeta e Cantautore Brunori Sas

Cantautore, Poeta e Produttore discografico. Con le sue canzoni sincere e la sua simpatia ha saputo conquistare migliaia di persone che lo hanno consacrato tra i più apprezzati cantautori italiani. Ha prodotto cinque dischi, Vol.1, Vol. 2 -Poveri Cristi, Vol.3 - Il cammino di Santiago in taxi, A casa tutto bene, Cip!. Ha vinto innumerevoli premi e dischi d’oro e nel 2018 ha condotto su Rai3 la trasmissione Brunori Sa.

Gennaro Di Cello

Creative director
Entopan

Gennaro Di Cello

Dopo la formazione al DAMS di Bologna ha approfondito la conoscenza del management del non profit. Nel 2001 ha fondato la cooperativa sociale Inrete, attiva nell’area della comunicazione e dell’innovazione sociale e culturale. È tra gli animatori di “Dinamismi Museali. Festival di pensiero contemporaneo” 1997-2007 (Premio Cultura di Gestione 2001, finalista Premio Guggenheim 2001, Premio Biennale Italia “Design degli eventi, 2008). È Presidente di Arci Calabria e di Talia Impresa Sociale. Nel tempo libero coltiva la passione per la progettazione grafica e la comunicazione visiva.

Emilio Leo

Architetto e Creative director Lanificio Leo

Emilio Leo

Classe 1974 è laureato in architettura. Chairman e Creative director del Lanificio Leo, la più antica fabbrica tessile attiva in Calabria, si occupa di dinamiche di sviluppo applicate alla tradizione e alla dimensione territoriale della periferia, dinamiche che cercano di coniugare le potenzialità intrinseche dei processi a bassa tecnologia ma con alto potere identitario, con una visione design-oriented. È stato Selezionato da Andrea Branzi nel 2006 per New Italia Design (Triennale, Milano) e nel 2009 ha ricevuto il premio “Toyp Italia Business 2009” della Junior Chamber International.

Florindo Rubbettino

Editore e Direttore
Rubbettino Editore

Florindo Rubbettino

Classe 1971, è Presidente della Rubbettino editore e della Rubbettino industrie grafiche. È docente di Editing nel Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione all’Università del Molise. Ha diretto dal 2008 al 2011 Quale impresa, la rivista nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria ed è stato Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Calabria.

Deborah De Rose

Project Manager
Interazioni Creative

Deborah De Rose

Project Manager, ex avvocato. É direttore creativo della manifestazione Cose Belle Festival. Si occupa di formazione, innovazione sociale e processi di nascita di impresa creativa. Ideatrice e co-founder di Interazioni Creative, progetto di condivisione, anche spazio di coworking creativo dedicato alla creatività. (interazionicreative.com)

Florindo Rubbettino

Editore e Direttore
Rubbettino Editore

Florindo Rubbettino

Classe 1971, è Presidente della Rubbettino editore e della Rubbettino industrie grafiche. È docente di Editing nel Corso di Laurea di Scienze della Comunicazione all’Università del Molise. Ha diretto dal 2008 al 2011 Quale impresa, la rivista nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria ed è stato Presidente dei Giovani Imprenditori di Confindustria Calabria.

Headline

COME PARTECIPARE

Segui questi semplici passi.

Deadline I0-I2-2020

I

Scarica il Regolamento

Ita Eng

2

Compila il modulo

Prepara i 4 files da allegare (documento di identità-max I MB, illustrazione-max 8 MB, Allegato B-max I MB e ricevuta di versamento-max I MB) e compila il modulo da qui.

Ita Eng

3

Invia l'illustrazione

Invia la tua opera, ben imballata e protetta, tramite posta o corriere al recapito indicato nel Regolamento entro il I0 dicembre 2020 compreso (farà fede il timbro postale).

DOMANDE FREQUENTI

Conosci maggiori dettagli.

Quante illustrazioni posso inviare al Contest?

È possibile partecipare al Contest inviando un (1) elaborato inedito ed originale, attinente al tema del Contest e che rispetti le indicazioni tecniche contenute nel Regolamento.

La mia opera è realizzata a mano, devo inviare l'originale?

Si, se l'opera è realizzata a mano è fondamentale inviare l'originale. L'invio dell'opera originale è determinante ai fini dell'ammissione al Cose Belle Contest.

Per la partecipazione al contest è richiesto un contributo?

Si, siamo una realtà resiliente e richiediamo un contributo di 12,00 euro a copertura delle spese di gestione del Contest.

Posso creare la mia illustrazione con qualsiasi tecnica?

Si, puoi realizzare la tua opera con la tecnica che gradisci, a mano o in digitale. È molto importante però che l’elaborato rispetti le indicazioni tecniche e le modalità di invio indicate nel Regolamento e che l'opera venga spedita ben protetta e imballata per evitare che si danneggi durante il trasporto.

La mia opera è digitale, devo inviare anche una stampa?

Si. Ai fini della corretta iscrizione al Contest, per le opere native digitali è richiesto l’invio della versione stampata secondo le indicazioni tecniche indicate nel Regolamento.

Posso consegnare a mano la mia opera?

Si, ma solo se sarà già pervenuta la tua iscrizione via mail, come da dettagli indicati nel Regolamento del Contest. Potrai consegnare la tua opera previo contatto con l'Organizzazione e presso lo spazio di coworking di Interazioni Creative a Cosenza. (indicazioni su interazionicreative.com)

Cosa si intende per opera inedita?

L'opera è considerata inedita, e quindi ammessa al Cose Belle Contest, se non è stata candidata in altri concorsi.

Posso partecipare con un'illustrazione già pubblicata sui social?

Si, puoi partecipare con un'illustrazione già pubblicata sui social se ritieni che sia attinente al tema del Contest..

Posso pubblicare l'opera con cui partecipo sui miei social?

Si, certo che puoi. Racconta ai tuoi followers che l'opera vuole esprimere il tema della Rigenerazione della quarta edizione del Cose Belle Contest di illustrazione. È importante anche che tu inserisca il tag @cosebelle.festival e l'hashtag #cosebellecontest20

Quali sono gli hashtag ufficiali con cui posso condividere la mia opera sui social?

Gli hashtag ufficiali sono #cosebellecontest20 e #cosebellefestival

Il mio elaborato sarà reso pubblico?

Certamente, tutte le opere pervenute e in linea con il Regolamento, saranno pubblicate nella Mostra digitale permanente sul sito cosebellefestival.it Contiamo di riuscire a caricarle tutte entro la fine del mese di gennaio 2021.

La mio opera e realizzata in tecnica mista, prima a mano e dopo rifinita in digitale. Cosa devo inviare?

Come indicato nel Regolamento richiediamo l'invio dell'opera in originale se realizzata a mano; in stampa di qualità se in digitale. Quando la tecnica digitale è solo la cura di pochi dettagli ma l'opera è prevalentemente realizzata a mano, è cosa gradita dalla Giuria analizzare le tavole inviate in originale prima dell'intervento in digitale.


Hai bisogno di altre informazioni o di assistenza? No panic, scrivici a 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Email

Cose Belle OFF

Cose Belle OFF

La Residenza d’Artista per i vincitori del Contest di illustrazione.

Il progetto di Residenza d’Artista in cui illustratori e Aziende d'eccellenza intrecciano il proprio valore in un percorso alla scoperta della Calabria creativa.

Il progetto di Residenza d’Artista.

Illustratori e Aziende d'eccellenza intrecciano il proprio valore in un percorso alla scoperta della Calabria creativa.

Cose Belle OFF

Cose Belle OFF

La Residenza d’Artista per i vincitori del Contest di illustrazione.

Il progetto di Residenza d’Artista in cui illustratori e Aziende d'eccellenza intrecciano il proprio valore in un percorso alla scoperta della Calabria creativa.

Il progetto di Residenza d’Artista.

Illustratori e Aziende d'eccellenza intrecciano il proprio valore in un percorso alla scoperta della Calabria creativa.

Le precedenti
edizioni del Contest.